“Trinacria Sconosciuta“ è un viaggio tra i tesori culturali sconosciuti e poco  valorizzati dell’area nord-est della Sicilia, su quel triangolo che sfocia nello scenario unico al mondo dello Stretto di Messina.  E’ un viaggio che proponiamo, prima di tutto a noi stessi, per conoscere la nostra terra, i nostri tesori, la nostra storia millenaria.  Non solo.

“Trinacaria Sconosciuta”  rappresenta anche altro.  Innanzitutto la voglia dei rappresentanti degli enti locali di mettersi insieme, di costruire una vera area metropolitana in cui tutti i Comuni, grandi e piccoli, godano di pari dignità, siano ugualmente protagonisti di questo percorso.  Non si tratta di un evento effimero , ma del tentativo di  mettere delle fondamenta perché questo territorio rinasca attraverso un sforzo comune. Crediamo che la cultura possa costituire un mastice per unire i nostri sforzi, per costruire una visione comune del nostro futuro.  Per questo abbiamo costruito un sito web che resterà, e verrà aggiornato, anche dopo questa iniziativa.

sfondo3

Questa grande manifestazione, la prima che si fa con queste modalità in un’area metropolitana in Italia, è stata resa possibile –data la crisi finanziaria del Comune di Messina- grazie al contributo di cittadini, associazioni e imprese.  In ordine sparso vorrei ringraziare innanzitutto “Proposta turistica 3.0” la cui consulenza gratuita è stata determinante per  individuare gli itinerari turistico-culturali e per organizzare l’intera manifestazione.  A seguire Marco Bellantoni, instancabile sostenitore di ogni iniziativa che possa valorizzare il nostro territorio, Renzo di Chio , la cui generosità ho potuto più volte apprezzare, Antonino Sapienza che ha speso tanta energia e l’antropologo Fabio Fichera che ha dato un tocco di qualità intellettuale agli eventi; e naturalmente le guide turistiche: Roberta Rudilosso, Antonella Siligato. Le Associazioni : la dott.ssa Miloro del  FAI  e gli amici di Forte Gonzaga, Mario Sarica dell’Associazione Kiklos che gestisce il prezioso museo etnico-antropologico di Gesso, la Pro-loco di Mili e tante altre. 

Le aziende : Caronte&Tourist, che ha sponsorizzato la comunicazione degli eventi, l’ATM, Bluferries per aver offerto uno sconto rilevante sull’attraversamento dello Stretto (per info visitare il sito: www.bluferries.it) per i residenti nelle due province di Reggio e Messina.  Infatti, quello che vorremmo costruire in futuro è una vera integrazione nell’Area vasta dello Stretto.  Data la compresenza di eventi importanti anche sulla costa reggina abbiamo pensato che questa Settimana della Cultura possa essere anche una Settimana di unità e scambi culturali, un vero e proprio Ponte Culturale tra le due sponde. 

 TONINO PERNA
Assessore alla cultura e valorizzazione del patrimonio del Comune di Messina

footernew